Il ritorno del killer

Con “Il ritorno del killer” James Patterson, che, negli USA, vende oltre 16 milioni di copie all’anno, si aggiudica l’ennesimo grande successo.

James Patterson è, infatti, l’autore di thriller più venduto al mondo; in Italia, i suoi romanzi hanno venduto 3,5 milioni di copie. 

“Il ritorno del killer” vede il ritorno di Kyle Craig, alias Mastermind, evaso dal carcere di massima sicurezza in cui è stato rinchiuso per anni. Craig ha un unico obiettivo: vendicarsi del detective che ho aveva catturato, Alex Cross. E lo fa nel modo più subdolo e inquietante possibile: assume un’identità insospettabile e si insinua a poco a poco nella vita della sua designata vittima.

James Patterson delinea il profilo di un serial killer spietato, brutale, ma anche estremamente intelligente: un antagonista che, nella sua criminalità, diventa in un certo senso affascinante per il lettore che, come il detective Cross, si perde nei meandri della sua mente psicopatica, cercando le ragioni che possono far diventare un uomo una tale belva. Ragioni che, ai lettori come al protagonista, rimangono per lo più sconosciute. Ed è giusto così.

Dall’altra parte, un protagonista come Alex Cross che, prima di essere un detective e un cacciatore di serial killer, è un padre, un fidanzato e soprattutto un essere umano. Ed è proprio una particolare sensibilità che lo distingue dalla maggioranza dei suoi colleghi.

Lo stile pratico, essenziale, duro e crudo quanto basta di Patterson rende la narrazione incalzante e avvincente, e il romanzo lo si divora in pochi giorni.

I capitoli estremamente brevi, le frequenti suspense e gli innumerevoli colpi di scena trascinano il lettore nella trama e lo tengono incollato al libro fino all’epilogo.

La narrazione si divide tra capitoli narrati da un narratore onnisciente, e capitoli presentati secondo il punto di vista del protagonista. Questo dà al lettore una panoramica completa, ma allo stesso tempo gli consente di immedesimarsi nel protagonista, comprendendo i suoi stati d’animo, le sue opinioni, le sue impressioni.

Il singolo caso di Kyle Craig si intreccia con altri casi altrettanto avvincenti e spaventosi, per una lettura-se possibile-ancora più coinvolgente.

E un finale con i fiocchi contorna la trama perfettamente studiata, facendo venire voglia ai lettori di tornare subito in libreria a scovare un altro capolavoro di Patterson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *